Australia

Australia

CAPITALE: Canberra – ALTITUDINE: 610 m.

CERTIFICAZIONI RICHIESTE
Febbre gialla – Il certificato di vaccinazione contro la febbre gialla è richiesto ai viaggiatori d’età superiore all’anno che nei sei giorni precedenti il loro arrivo in Australia, abbiano trascorso almeno una notte in un pae- se segnalato come paese con trasmissione di febbre gialla fatta esclusione per le isole Galapagos in Ecuador e limitato alla provincia di Misiones in Argentina, ma che include Sao Tomè e Principe, Somalia e Tanzania. HIV/AIDS – Il test HIV è obbligatorio per tutti coloro che chiedono la residenza permanente. La residenza è rifiutata in caso di positività del test.

RISCHI PER LA SALUTE
Per quanto riguarda le malattie trasmissibili, generalmente i viaggiatori internazionali non corro- no rischi diversi dai propri paesi di origine.
• Malattie trasmesse da artropodi – Epidemie di dengue sono avvenute negli anni scorsi nella parte set- tentrionale del paese. Presente da molti anni anche la febbre del Nilo Occidentale. La febbre Ross Ri- ver (poliartrite epidemica) infezione virale trasmessa da zanzare, è presente nel paese. Sono presenti pure la febbre esantematica da Rickettsia australiae, e l’encefalite della Valle del Murray. Segnalato il tifo delle boscaglie (scrub typhus) nella parte settentrionale del paese. Riportati casi sporadici di ence- falite giapponese nel periodo febbraio-aprile.
• Diarrea del viaggiatore – Rischio basso.
• Colera – Nel 2011 sono stati riportati 6 casi di colera importati.
• Altre malattie trasmesse dagli alimenti e dall’acqua – Segnalati casi di meningoencefalite amebica pri- mitiva.

VACCINAZIONI DA CONSIDERARE: quelle di routine.

RISCHI PER LA SICUREZZA
L’Australia è, in linea generale, un Paese sicuro. In tutto il Paese, durante la stagione calda, in condizioni di siccità e calore elevati, esiste il rischio di incendi, pericolosi per la vastità e rapidità di propagazione. A cau- sa della scarsità di precipitazioni in molte regioni durante l’ultimo inverno appena trascorso (giugno-set- tembre), la stagione calda (novembre 2013 – febbraio 2014) si presenta a elevato rischio di incendi. Il Bu- reau of Meteorology (www.bom.gov.au) fornisce informazioni aggiornate su tutto il Paese. Esistono inoltre rischi di periodiche inondazioni nelle regioni rurali degli Stati del Victoria (capitale Melbourne), del New South Wales (capitale Sydney) e del Queensland (capitale Brisbane). Per le gite nel deserto si consiglia vi- vamente di affidarsi ad agenzie specializzate, al fine di procedere in carovana con adeguate scorte d’acqua, di carburante e di cibo e con un telefono satellitare.

Figi

Figi

CAPITALE: Suva – ALTITUDINE: 10 m

CERTIFICAZIONI RICHIESTE

Febbre gialla – è richiesto un certificato di vaccinazione contro la febbre gialla ai viaggiatori di età > ad 1 anno che arrivino da paesi con rischio di trasmissione di febbre gialla e ai viaggiatori  che siano transitati per un periodo > di 12 ore in un aeroporto di un paese con rischio di trasmissione di febbre gialla.

 

RISCHI PER LA SALUTE

  • Malattie trasmesse da artropodi – Possono verificarsi epidemie di dengue, anche di tipo emorragico e ca- si di filariosi. Sono stati inoltre segnalati casi di encefalite giapponese. Segnalati casi di Ross River Fever.
  • Diarrea del viaggiatore – Rischio moderato. Attenzione agli alimenti e Normix in valigia.
  • Altre malattie trasmesse dagli alimenti e dall’acqua – Sono diffuse l’epatite A, la febbre tifoide ed il colera. Il consumo di pesce, molluschi e crostacei crudi o cotti può essere all’origine di tossinfezioni alimentari. Riportati casi di meningite eosinofila dovuta a Angiostrongylus cantoniensis.
  • Colera – In passato si sono verificate delle epidemie.
  • Altre malattie – Chi si bagna deve fare attenzione alle meduse, ai coralli, ai pesci velenosi e ai serpenti d’acqua. L’epatite B è endemica (> 8% di portatori del virus HBV). Presente il rischio di TB.

 

VACCINAZIONI DA CONSIDERARE: quelle di routine, epatite A e febbre tifoide.

 

RISCHI PER LA SICUREZZA

Pur essendo ancora isole a basso rischio criminalità, relativamente ad altri paesi dell’area, è necessaria l’abituale prudenza del viaggiatore, soprattutto di notte e nella capitale  Suva. Le Figi sono situate in una zona sismica, sebbene il pericolo di tsunami è a basso livello. Tuttavia, in caso di sisma vanno scrupolosamente seguite le eventuali misure impartite dalle Autorità locali.

Guam (US)

Guam (US)

CAPITALE: Agaña  – ALTITUDINE: 0 m

CERTIFICAZIONI RICHIESTE

Nessun obbligo di vaccinazione per i viaggiatori internazionali.

 

RISCHI PER LA SALUTE

  • Malattie trasmesse da artropodi – Diffusa è la filariosi, ma la sua prevalenza è variabile. Segnalati casi di dengue e encefalite giapponese.
  • Diarrea del viaggiatore – Rischio moderato. Attenzione agli alimenti e Normix in valigia.
  • Altre malattie trasmesse dagli alimenti e dall’acqua – Malattie diarroiche. Diffuse l’epatite A, la febbre tifoide e le elmintiasi. Il consumo di pesce, molluschi e crostacei crudi o cotti può essere all’origine di tossinfezioni alimentari.
  • Altri rischi altre malattie – Chi si bagna deve fare attenzione ai celenterati, ai pesci velenosi e ai serpenti d’acqua. Nel paese esiste un’alta prevalenza (> 8%) di portatori del virus HBV, responsabile dell’epatite B. Presente il rischio tubercolosi e leptospirosi.

 

VACCINAZIONI DA CONSIDERARE: quelle di routine, epatite A e febbre tifoide.

 

RISCHI PER LA SICUREZZA

Tutto il Paese è da considerarsi abbastanza sicuro. A Guam vige l’ordinamento giuridico statunitense. Il servizio doganale e di immigrazione è gestito da agenti statunitensi. Il nostro Ministero consiglia di visitare le zone più remote accompagnati da una guida locale, in grado di fornire assistenza in caso di emergenza. Esistono alcuni punti dell’Oceano che sono considerati molto pericolosi per i sommozzatori con poca esperienza a causa di forti correnti e di cambio delle maree. Anche nelle spiagge adiacenti alla zona alberghiera sono presenti correnti molto forti che rendono problematica la balneazione.

Isole Cook (Nuova Zelanda)

Isole Cook (Nuova Zelanda)

CAPITALE: Avarua – ALTITUDINE: 210 m

CERTIFICAZIONI RICHIESTE

Nessun obbligo di vaccinazione per i viaggiatori internazionali.

 

RISCHI PER LA SALUTE

  • Malattie trasmesse da artropodi – Filariosi, ma la sua prevalenza è variabile.
  • Diarrea del viaggiatore – Rischio moderato. Attenzione agli alimenti e Normix in valigia.
  • Altre malattie trasmesse dagli alimenti e dall’acqua – Sono frequenti infiammazioni gastrointestinali dovute a batteri, virus e parassiti inclusa la entomeba istolitica. Sono presenti l’epatite A, la febbre tifoide e le elmintiasi. Il consumo di pesce, molluschi e crostacei crudi o cotti può essere all’origine di tossinfezioni alimentari.
  • Altre malattie ed altri rischi – Epatite B, tubercolosi e leptospirosi. Chi si bagna deve fare attenzione ai pesci velenosi, celenterati e ai serpenti d’acqua.

 

VACCINAZIONI DA CONSIDERARE: quelle di routine, epatite A e febbre tifoide.

 

RISCHI PER LA SICUREZZA

Le Isole Cook sono soggette a frequenti eventi sismici che, se localizzati in mare, potrebbero provocare tsunami. Si consiglia ai connazionali che intendano recarsi nelle isole di tenersi informati sulla situazione meteorologica, anche attraverso il proprio agente di viaggio, nonché in loco, attraverso gli organi di informazione, attenendosi scrupolosamente durante la permanenza ai suggerimenti ed agli avvisi eventualmente impartiti dalle Autorità locali, in particolare quando ci si trova in prossimità della costa.

Isole Marianne del Nord

Isole Marianne del Nord

CAPITALE: Saipan – ALTITUDINE: 0 m

CERTIFICAZIONI RICHIESTE

Nessun obbligo di vaccinazione per i viaggiatori internazionali.

 

RISCHI PER LA SALUTE

  • Malattie trasmesse da artropodi – Segnalati casi di dengue, encefalite giapponese e filariosi.
  • Diarrea del viaggiatore – Rischio moderato. Attenzione agli alimenti e Normix in valigia.
  • Altre malattie trasmesse dagli alimenti e dall’acqua – Riportata l’epatite A e la febbre tifoide. Il consumo di pesce, molluschi e crostacei crudi o cotti può essere all’origine di tossinfezioni alimentari.
  • Altre malattie ed altri rischi – Chi si bagna deve fare attenzione ai celenterati, ai pesci velenosi e ai serpenti d’acqua. Nel paese esiste un’alta prevalenza (> 8%) di portatori del virus HBV, responsabile dell’epatite B. Presente il rischio tubercolosi. Segnalati casi di leptospirosi.

 

VACCINAZIONI DA CONSIDERARE: quelle di routine, epatite A e febbre tifoide.

 

RISCHI PER LA SICUREZZA

Il paese è sicuro.

 

Isole Marshall

Isole Marshall

CAPITALE: Majuro – ALTITUDINE: 0 m

CERTIFICAZIONI RICHIESTE

HIV/AIDS – Il test HIV è obbligatorio per coloro che richiedono un permesso di residenza.

 

RISCHI PER LA SALUTE

  • Malattie trasmesse da artropodi – Segnalati casi di dengue, encefalite giapponese, filariosi e la febbre di Ross River.
  • Diarrea del viaggiatore – Rischio moderato. Attenzione agli alimenti e Normix in valigia.
  • Altre malattie trasmesse dagli alimenti e dall’acqua – Febbre tifoide e le elmintiasi. Il consumo di pesce, molluschi e crostacei crudi o cotti può essere all’origine di tossinfezioni alimentari.
  • Altre malattie ed altri rischi – Chi si bagna deve fare attenzione ai celenterati, ai pesci velenosi e ai serpenti d’acqua. Nel paese esiste un’alta prevalenza (> 8%) di portatori del virus HBV, responsabile dell’epatite B. Presente il rischio tubercolosi. Casi di leptospirosi. Nel 2010 segnalati 110 casi di lebbra.

 

VACCINAZIONI DA CONSIDERARE: quelle di routine, epatite A e febbre tifoide.

 

RISCHI PER LA SICUREZZA

L’intero arcipelago è sicuro Durante la stagione delle piogge (da aprile a novembre) sono possibili fenomeni ciclonici. Si consiglia pertanto di attenersi alle eventuali misure adottate dalle autorità locali.

 

Pin It on Pinterest