Potenziale rischio di malattie infettive per i viaggiatori

In relazione alla destinazione del viaggio, i viaggiatori potrebbero essere esposti a numerose malattie infettive; l’esposizione dipende dalla presenza di agenti infettivi nell’area da visitare. Il rischio di infezione varierà a secon- da dello scopo del viaggio, dell’itinerario, degli standard di sistemazione, dell’igiene e del sistema sanitario, e comportamento del viaggiatore. In alcuni casi, la malattia può essere prevenuta dalla vaccinazione, ma esistono alcune malattie infettive, comprese alcune delle più importanti e pericolose, per le quali non esistono vaccini. L’assunzione di precauzioni generali può ridurre notevolmente il rischio di esposizione ad agenti infettivi. Verranno indicate nel contesto della presentazione delle varie malattie infettive le modalità di trasmissione e le misure di prevenzione da adottare. Le malattie infettive possono contratte – come si sa – attraverso le seguenti modalità:

 

Malattie causate da cibo e acqua

Le malattie causate da alimenti e acqua sono trasmesse dal consumo di cibo e acqua contaminati. Il rischio di infezione è ridotto prendendo precauzioni igieniche con tutti i cibi, bevande e acqua consumate durante il viaggio e evitando il contatto diretto con acque contaminate. Esempi di malattie trasmesse dal consumo di cibo e acqua sono: diarrea del viaggiatore, infezione da rotavirus, epatite A, febbre tifoide e colera.

 

Malattie trasmesse da un vettore

Un numero di infezioni particolarmente  severe sono trasmesse da insetti e altri vettori come le zecche. Il rischio di infezione può essere ridotto evitando punture di insetto e il contatto con altri vettori in luoghi in cui l’infezione sembra essere presente. Esempi di malattie infettive trasmesse da un vettore sono: malaria, febbre gialla, dengue, encefalite giapponese, chikungunya ed encefalite da zecche.

 

Zoonosi

Le zoonosi comprendono molte infezioni che possono essere trasmesse all’uomo attraverso morsi di animali o contatto con animali, con liquidi corporei contaminati o feci di animali o attraverso il consumo di cibi di origine animale, in particolare carni e prodotti caseari. Il rischio di infezione può essere ridotto evitando lo stretto con- tatto con qualsiasi animale – includendo animali selvaggi e domestici – in luoghi in cui è probabile che l’infezione esista. Particolare attenzione deve essere presa per impedire  che i bambini vengano in contatto con gli animali. Esempi di zoonosi sono: rabbia, tularemia, brucellosi, leptospirosi e alcune febbri emorragiche virali.

 

Malattie sessualmente trasmesse

Le malattie sessualmente trasmesse passano da persona a persona attraverso pratiche sessuali non protette. Il rischio di infezione può essere ridotto evitando rapporti sessuali casuali e non protetti, e con l’utilizzo del preservativo. Esempi di malattie sessualmente trasmesse sono: epatite B, HIV/AIDS e sifilide.

 

Malattie trasmesse per via ematica

Le malattie trasmesse per via sanguigna avvengono per diretto contatto con sangue o altri liquidi biologici corporei infetti. Il rischio di infezione può essere ridotto evitando il contatto diretto con sangue e liquidi corporei ed evitando l’utilizzo di aghi o siringhe che potrebbero essere contaminati  e qualsiasi altra procedura medica e cosmetica che comporti la penetrazione della pelle (come agopuntura, piercing e tatuaggi) e evitando trasfusioni di sangue infetto. Esempi di malattie trasmesse col sangue sono: epatite B e C, HIV/AIDS e malaria.

 

Malattie trasmesse per via aerea

La trasmissione  per via aerea si verifica quando nuclei di goccioline evaporate di dimensione inferiore ai 5 micron sono disseminate nell’aria. Questi nuclei di goccioline possono rimanere sospesi nell’aria per qualche tempo. Le malattie che si diffondono in questo modo comprendono la tubercolosi polmonare aperta/ attiva, il morbillo, la varicella, la peste polmonare, la legionellosi e la febbre emorragica con polmonite o quando gli operatori sanitari intraprendono procedure come l’aspirazione tracheale.  La trasmissione  attraverso goccioline avviene quando particelle più grandi (> 5 μm) entrano in contatto con le mucose del naso o della bocca o congiuntiva di una persona suscettibile. Le goccioline sono generate solitamente da un individuo infetto che tossisce, starnutisce o parla. Malattie trasmesse attraverso questa via includono influenza,inclusa l’influenza aviaria da virus H7N9, difterite, pertosse, parotite, meningite e MERS-CoV.

 

Malattie trasmesse attraverso il terreno

Le malattie trasmesse dal terreno includono quelle provocate da forme dormienti di agenti infettivi (spore) che possono causare infezioni al contatto con pelle ferita (tagli, graffi, etc.). Il rischio di infezione può essere ridotto proteggendo la pelle dal diretto contatto con il terreno in luoghi dove è probabile siano presenti malattie trasmesse dal suolo. Esempi di malattie batteriche trasmesse dal suolo sono antrace e tetano. Certe infezioni da parassiti intestinali, come ascaridiosi e tricuriasi, sono trasmesse attraverso terreni infetti e potrebbero verificarsi attraverso il consumo di verdure coltivate in terreni contaminati. L’inalazione di terreno contaminato può provocare infezione da funghi.

Pin It on Pinterest