Il ritorno da un viaggio da un paese europeo o anche da un paese appartenente ad altri continenti solitamente non necessita alcun controllo sanitario. I viaggiatori che dovrebbero invece sottoporsi ad un controllo medico al ritorno sono coloro che:

–     soffrono di malattie croniche (malattie cardio-vascolari, diabete mellito, malattie respiratorie croniche, ecc);

–     sperimentano malattie nelle settimane che seguono il loro ritorno a casa, specie se accusano febbre, diarrea persistente, vomito, ittero, sintomi urinari, manifestazioni cutanee o infezioni genitali;

–     hanno ricevuto un trattamento per la malaria durante il viaggio;

–     sono stati esposti ad una seria malattia infettiva durante il viaggio;

–    hanno  trascorso  più di 3 mesi in un paese in via di sviluppo.

I viaggiatori devono fornire al medico informazioni sulla destinazione del viaggio, l’itinerario percorso, lo scopo, la durata del viaggio ed il comportamento adottato in relazione ai rischi di malattie trasmesse per via alimentare, per via sessuale o attraverso artropodi. La destinazione  è molto importante in quanto le malattie hanno una loro distribuzione geografica, che può essere ubiquitaria o essere prevalente in una determinata regione geografica o essere addirittura specifica di una determinata area. Il medico deve pertanto essere un conoscitore della GEOGRAFIA delle malattie e questo libro vuole pertanto essere un contributo per la sua formazione professionale in materia. Anche all’interno di un singolo paese, il rischio può essere confinato in certe aree. Questa regola vale per il rischio malarico in molti paesi, per il rischio polio nei paesi endemici (Pakistan, Afghanistan e Nigeria), per il rischio tripanosomiasi africana in molti paesi dell’Africa sub-sahariana e per molte altre malattie. Coloro che viaggiano spesso devono dare informazioni su tutti i viaggi che hanno effettuato nelle settimane e nei mesi precedenti.

I sintomi gastrici e duodenali

Una diarrea persistente è associata ad enteropatia e conseguente malassorbimento. Può essere dovuta a parassiti, in primo luogo a giardiasi nel qual caso predominano i sintomi gastrici e duodenali. I sintomi di una giardiasi possono durare mesi. La diagnosi si fa con...

Il sintomo febbre

Il sintomo febbre è di particolare importanza nella diagnosi di una malattia infettiva, quale sintomo di una malattia da identificare e per le caratteristiche della febbre stessa. I viaggiatori provenienti da aree malariche che accusano febbre, devono ricorrere al più...

Potenziale pericolo di sanità pubblica.

Alcune malattie non hanno un significato solo per i pazienti che ne sono vittime, ma rappresentano anche un potenziale pericolo di sanità pubblica. Devono pertanto essere immediatamente segnalate al Dipartimento di Sanità pubblica dell’ASL di appartenenza che...

Pin It on Pinterest

Share This